ScienzePoliticheUrbino Blog

Just another WordPress.com weblog

Statuto novembre 18, 2009

STATUTO ASSOCIAZIONE “RESPOLITICA – Associazione degli Studenti della Facoltà di Scienze Politiche di Urbino”

1) Denominazione

È costituita l’associazione denominata “RES POLITICA – Associazione degli Studenti di Scienze Politiche di Urbino”.

2) Sede

La sede dell’associazione è in Piazza Gherardi, 4, 61029 – Urbino (PU) Italia, c/o Facoltà di Scienze Politiche

3) Principi e scopi

L’associazione ha per scopo la creazione di una rete stabile fra gli studenti della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, la promozione di una cittadinanza attiva e lo sviluppo di una coscienza critica tra le giovani generazioni, sia in ambito accademico che locale, anche mediante l’organizzazione di eventi e il confronto con giovani provenienti da altre realtà territoriali, italiane o europee. Con le proprie attività mira a diffondere e ad accrescere la partecipazione e la sensibilità verso i valori e le tematiche connesse alle materie di studio della Facoltà di Scienze Politiche (es. Diritto, Economia, Storia, Relazioni internazionali, Comunicazione politica, Filosofia).

4) Natura dell’associazione

L’associazione si definisce associazione culturale. Non ha fini di lucro e destina i proventi da eventuali attività accessorie di carattere commerciale connesse con le sue attività istituzionali alla promozione delle sue finalità. L’associazione destina eventuali avanzi di esercizio alla realizzazione delle sue finalità, con espresso divieto di redistribuzione delle quote sociali o di avanzi di esercizio tra i soci, anche in forma indiretta.

5) Soci

Possono far parte dell’Associazione tutti coloro che abbiano raggiunto la maggiore età e siano iscritti,  laureati o dottorandi nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”.

L’ammissione dei soci avviene su domanda degli interessati. L’accettazione delle domande è deliberata dal consiglio direttivo che delibera insindacabilmente. Le iscrizioni decorrono dal 1° Gennaio dell’anno in cui la domanda è accolta.

L’appartenenza all’Associazione obbliga gli aderenti al rispetto delle decisioni prese dagli organi rappresentativi in base alle prescrizioni statutarie e comporta l’obbligo di versare una quota associativa annuale stabilita dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.

La qualifica di socio si può perdere per i seguenti motivi:

a) per dimissioni da comunicarsi per iscritto almeno due mesi prima della scadenza dell’anno.

b) per delibera del consiglio direttivo a seguito di accertati motivi di incompatibilità o per avere violato le norme e gli obblighi dello statuto o per altri motivi che comportino indegnità.

c) per ritardato pagamento dei contributi dell’anno in corso entro il mese di Marzo.

6) Organi dell’Associazione

Organi dell’Associazione sono:

– l’assemblea dei soci

– il consiglio direttivo

– il presidente

– il vicepresidente

– il tesoriere

a) Assemblea

Hanno diritto di partecipare all’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, tutti i soci purché in regola con le quote sociali dell’anno in corso.

Ogni socio è titolare di un voto.

L’assemblea viene convocata in seduta ordinaria almeno una volta all’anno entro il 30 Aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo nonché per l’eventuale rinnovo delle cariche sociali.

L’assemblea può inoltre essere convocata tanto in sede ordinaria che straordinaria per decisione del consiglio direttivo o su richiesta, indirizzata al presidente, di almeno un terzo dei soci.

Le assemblee ordinarie e straordinarie sono convocate, con preavviso di almeno dieci giorni, mediante invio di comunicazione scritta indirizzata a tutti i soci e con affissione nella sede sociale: l’avviso dovrà specificare gli argomenti all’ordine del giorno.

L’assemblea è presieduta dal presidente dell’Associazione o, in sua assenza, dal vicepresidente.

I verbali della riunione dell’assemblea sono redatti in apposito registro dal vice presidente o da un socio designato dal vice presidente in assenza del presidente.

All’assemblea spettano le seguenti prerogative:

– discutere e deliberare sui bilanci consuntivi e preventivi e sulle relazioni del consiglio direttivo

– eleggere il presidente, il vicepresidente, il tesoriere, i membri del consiglio direttivo

– fissare, su proposta del collegio direttivo, le quote di ammissione ed i contributi associativi annuali nonché la penale per i ritardati pagamenti

– deliberare su ogni altro argomento di carattere ordinario o straordinario sottoposto alla sua approvazione dal consiglio direttivo o da un terzo degli associati

– deliberare sullo scioglimento dell’Associazione

– deliberare sulle modifiche dello statuto

– deliberare sul trasferimento della sede dell’Associazione

– deliberare su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla sua approvazione dal consiglio direttivo o da un terzo degli associati

b) consiglio direttivo

Il consiglio direttivo ha il compito di:

– deliberare sulle questioni riguardanti l’attività dell’Associazione per l’attuazione delle sue finalità e secondo le direttive dell’assemblea

– predisporre i bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre all’assemblea

– deliberare su ogni atto di carattere patrimoniale e finanziario che ecceda l’ordinaria amministrazione

– procedere all’inizio di ogni anno sociale alla revisione dell’elenco dei soci

– deliberare l’accettazione delle domande per l’ammissione di nuovi soci.

Il consiglio direttivo è formato da presidente, vice presidente, tesoriere e tot 4 membri nominati dall’assemblea ordinaria scelti tra i soci. Il consiglio direttivo dura in carica tot 1 anno e comunque sino all’assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali.

Le riunioni del consiglio sono valide con la presenza di almeno la maggioranza dei suoi consiglieri e sono presiedute dal presidente o, in sua assenza dal vicepresidente.

Le sedute e le deliberazioni del consiglio sono fatte constare da processo verbale sottoscritto dal presidente e dal segretario in apposito registro.

c) presidente e il vicepresidente

Il presidente dirige l’Associazione e la rappresenta, a tutti gli effetti, di fronte a terzi ed in giudizio. Il presidente ha la responsabilità generale della conduzione e del buon andamento degli affari sociali. Al presidente spetta la firma degli atti sociali che impegnano l’Associazione sia nei riguardi dei soci che dei terzi. Il presidente sovrintende in particolare all’attuazione delle deliberazioni dell’assemblea e del consiglio direttivo. Il presidente è eletto dall’assemblea e dura in carica tot. 1 anno e comunque sino all’assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali.

d) tesoriere

Il tesoriere cura l’uso delle risorse e dei fondi dell’associazione, in attuazione delle deliberazione dell’assemblea e del consiglio direttivo. Ha l’obbligo di redigere annualmente il bilancio consuntivo e quello previsionale dell’associazione e di presentarlo all’assemblea. E’ nominato dall’assemblea e dura in carica tot. 1 anno.

7) Patrimonio e Entrate dell’Associazione

Il patrimonio è costituito:

– da beni mobili e immobili di proprietà dell’associazione,

– da eventuali fondi di riserva costituiti con eccedenze di bilancio,

– da eventuali donazioni, erogazioni e lasciti.

Le entrate dell’Associazione sono costituite: a) dalla quota di iscrizione da versarsi all’atto dell’ammissione all’Associazione nella misura fissata dall’assemblea ordinaria. b) dai contributi annui ordinari da stabilirsi annualmente dall’assemblea ordinaria su proposta del consiglio direttivo c) da eventuali contributi straordinari deliberati dall’assemblea in relazione a particolari iniziative. d) da versamenti volontari degli associati e) da altre fonti compatibili con gli scopi istituzionali. I contributi ordinari devono essere pagati in un’unica soluzione entro il mese di Marzo di ciascun anno. I contributi ordinari sono dovuti per tutto l’anno solare in corso qualunque sia il momento dell’avvenuta iscrizione da parte dei nuovi soci; il socio dimissionario o che comunque cessa di far parte dell’Associazione è tenuto al pagamento del contributo sociale per tutto l’anno solare in corso.

8) Esercizi sociali

L’esercizio sociale inizia il 1° Gennaio e termina il 31 Dicembre di ciascun anno.

9) Scioglimento e liquidazione

L’associazione può essere sciolta solo dall’assemblea dei soci, con maggioranza degli almeno ¾ degli aventi diritto al voto. In caso di scioglimento l’assemblea designerà uno o più liquidatori determinandone i poteri. Il netto risultante dalla liquidazione sarà devoluto ad altre associazioni (di promozione sociale se del caso) oppure ad altri enti aventi finalità simili a quelle indicate all’art.3 del presente statuto.

10) Rinvio

Per tutto quanto non è previsto dal presente atto si fa rinvio alle norme di legge.

 

Monica Tiberi – Silene Palezza – Erica Del Dente – Giacomo Fidelibus – Luca Bini – Ilaria Ceriello – Silvia Franco – Federica Oliveri

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...